Sinusite

SINUSITE

  

COS’È

E’ una condizione in cui vi è l’infiammazione di alcune cavità o aree vuote delle ossa del viso collegate al naso (seni paranasali) con presenza e ristagno di muco in eccesso .

QUALI SONO LE POSSIBILI CAUSE

Nella maggioranza dei casi i virus sono la causa principale, meno comunemente sono invece  i batteri . Può essere la diretta conseguenza di un comune raffreddore che dura da più di 10 giorni con le secrezioni di muco che restano  intrappolate o bloccate nelle cavità delle ossa del viso, tali da consentire  ai germi di crescere.

QUALI I POSSIBILI SINTOMI

Il sintomo più comune è un raffreddore che non migliora dopo 10 giorni e si accompagna a scolo nasale di muco denso e colorato (giallo-verdastro) che provoca alito cattivo. Possono essere presenti a volte febbre elevata (39°C), dolore o gonfiore al viso, tosse notturna, mal di testa, inappetenza.

Vi sono fattori di rischio che possono favorirne la comparsa come : la frequenza dell’ asilo o della scuola materna, usare il ciuccio, bere latte o altri liquidi  dal biberon in posizione sdraiata, essere esposti al fumo passivo, essere allergici.

SERVE SEMPRE L’ANTIBIOTICO?

La sinusite in genere non deve essere sempre trattata con antibiotici per stare meglio perché nella maggior parte dei casi è provocata da virus e gli antibiotici non uccidono i virus. Qualora il bambino non migliori sarà il pediatra di famiglia a proporti di somministrare l’antibiotico e quale.

COSA PUOI FARE

Lavaggi nasali con soluzione fisiologica ipertonica per mantenere la pulizia del naso e favorire lo sblocco del muco che ristagna.

Se il bambino riferisce dolore si può somministrare paracetamolo o ibuprofene

COSA NON FARE

Non somministrare antistaminici , aspirina , mucolitici .

Non usare decongestionanti nasali a base di antibiotici , vasocostrittori e cortisone

Non somministrare antibiotici di propria iniziativa

Non sottoporre autonomamente il bambino ad esami radiologici o altri test

A CHI TI DEVI RIVOLGERE

Al pediatra di famiglia

  • Se il bambino ha un raffreddore che dura da oltre 10 giorni accompagnato da scolo di muco purulento giallo verde
  • Se il bambino ha febbre elevata (39°C)
  • Se ha gonfiore e dolore del viso
  • Se ha difficoltà a respirare
  • Se riferisce mal di testa

Al Pronto soccorso

  • Se il dolore al viso è accompagnato da un’evidente gonfiore dell’occhio
  • Se riferisce calo della visione
  • Se il bambino è disorientato
  • Se ha mal di testa persistente , intenso e frontale
  • Se ha difficoltà nei movimenti del collo